mater decor carmeli

Vai ai contenuti

Menu principale:

PALERMO (Sicilia)

Archivio notizie > Peregrinatio 2014

PEREGRINATIO A PALERMO (PA) IN SICILIA
23 - 24 OTTOBRE 2014

Giovedi pomeriggio 23 ottobre la reliquia è stata portata a Palermo, nella Parrocchia di S. Giuseppe a Chiavelli, su invito del Parroco Don Salvatore Milazzo. Alle ore 18,00 la reliquia è entrata processionalmente in chiesa, accolta dai fedeli.
E' seguita poi la S. Messa, concelebrata dal Parroco e da P. Lucio, che teneva l'omelia.
Al termine della S. Messa seguiva il bacio della reliquia.

Alla sera, alle ore 21,00, un violentissimo acquazzone si riversava su Palermo, ma questo non ci ha impedito di fare la veglia programmata con la catechesi sullo scapolare di S. Giovanni Paolo II, tenuta da P. Lucio. Veramente è da fare un grande elogio alle persone che hanno sfidato il maltempo e sono venute ugualmente in Parrocchia per partecipare alla catechesi e alla veglia di preghiera.
Il TG3 regionale ha curato un servizio andato in onda il giorno seguente durante il telegiornale delle ore 14,00.

La mattina dopo, 24 ottobre, la giornata iniziava con la S. Messa al Santuario dell'Oasi della Speranza, un luogo di fede e di preghiera, sulle falde del monte Grifone, voluto da Franco Mazzola, che con l'aiuto di numerosi volontari è riuscito a costruire questo meraviglioso complesso che domina la città di Palermo. La Chiesa è circondata da sale e spiazzi usati per giornate di ritiri, incontri, momenti di preghiera.

Una enorme croce di ferro, ricavata da un vecchio traliccio, domina tutta l'Oasi della Speranza.
Questa croce, illuminata di notte, diventa visibile da tutta Palermo

La sera del 24, alle ore 21,00, numerosi fedeli, che il grande salone non riusciva a contenere, si riunivano per la catechesi di P. Lucio sullo scapolare e la figura di S. Giovanni Paolo II e per l'Ora di Adorazione, che veniva conclusa con la Benedizione Eucaristica e il bacio della reliquia.
Di questa peregrinatio porteremo un ricordo meraviglioso per la grande fede, l'accoglienza, la cordialità, dimostrata da Franco, da Don Salvatore e da tutte le persone che abbiamo incontrato e che hanno partecipato a questi incontri di fede e di preghiera.


Torna ai contenuti | Torna al menu